Gucci, Prada & Ferrari

         Destinatario          Gucci, Prada e Ferrari             Mittente                Ketty, studentessa di marketing Sono obb...

         Destinatario         

Gucci,
Prada
e Ferrari

            Mittente               

Ketty, studentessa di marketing

Sono obbligata a scrivere nell’Aldilà perché la mia missiva raggiunga i signori Enzo Ferrari e i fondatori del marchio Gucci, e agli uffici comunicazione dell’Aldiqua per raggiungere la signora Miuccia Prada.
Carissimi, i marchi che avete creato sono gli unici tre italiani che, nel 2013, facevano parte della classifica che riunisce i 100 marchi più famosi al mondo.
Il vostro instancabile lavoro ha permesso a voi e a chi ha preso le redini della vostra azienda di mostrare a tutti cos’è il genio italiano.
Perché vi scrivo? In questo momento il nostro Paese sta decidendo se dare ai suoi giovani un futuro, o se abbandonarli al loro destino. Io penso che sia importantissimo ricordare ai ragazzi che frequentano il liceo – io ormai sono diplomata, ma ci tengo tantissimo ai miei “fratelli” più giovani – che nonostante quello che può capitare, nella vita si possono combinare davvero grandi cose. È una questione di merito, di talenti che il Signore ci ha donato e che dobbiamo saper fruttare. 
Certo, non tutti diventeremo produttori  di auto sportive o stilisti, ma in ciascun luogo in cui ci troveremo a sperimentare il nostro “genio”, ci verrà chiesto il meglio.
Altra cosa: non credo proprio che il signor Enzo Ferrari, in vita – un caratterino mica da ridere – si sia abbattuto al primo ostacolo. Ecco quindi il secondo messaggio che vorrei lasciare, con il vostro esempio: non dobbiamo mollare!
Anche se gli adulti ci dicono che tutto è uno schifo, anche se le materie da studiare sono difficili e i prof insopportabili. Noi siamo meglio di tutto ciò!
Terzo messaggio che con voi condivido. Ci sono due modi per diventare “grandi” e lasciare un segno nel mondo: con l’impegno e la creatività applicata nel modo giusto, e con la disonestà.
La seconda opzione è quella della strada più semplice, che molti percorrono rubando, non pagando le tasse, sfruttando le persone attorno. Ecco, io vorrei che i brand che fanno fare bella figura all’Italia fossero lo specchio dell’Italia migliore. Solo così si può sperare in una crescita che abbracci tutti e non lasci nessuno indietro.
                                                                   Ketty

              domande per discutere                          
Avete mai sentito parlare di
merito? Qualcuno vi ha spiegato,
a casa o a scuola, che non è
un sistema per le raccomandazioni,
ma un modo per valorizzare
la bravura del singolo? Voi
cosa pensate che sia?

Spesso è più facile dire, specie
a scuola: faccio il minimo
indispensabile, così nessuno
mi rompe e io mi faccio i fatti
miei. Ecco, questo è il contrario
del merito: dov’è finito il genio
che è in voi? Dove lo tenete?

Chi l’ha detto che dobbiamo
limitarci a essere normali? Noi
possiamo essere normalmente
speciali! E qualcuno può anche
aspirare a cose grandissime.
Chiudete gli occhi: come
vi vedete tra 10 anni? Quale
lavoro vorreste?
Reazioni: 

Related

dChat 599764507397324213

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item