Le sbarre della regina

di Elisa Murgese Una storia diversa dalle promesse di riabilitazione Le sbarre della regina Anche le carceri inglesi sono sogget...

di Elisa Murgese

Una storia diversa dalle promesse di riabilitazione



Le sbarre della regina
Anche le carceri inglesi sono soggette alla spending review,
ma i dati raccontano che la situazione dei detenuti,
in particolare delle donne, ha raggiunto livelli preoccupanti.

L’Inghilterra di Cameron sta affrontando la più grande riforma carceraria della sua storia recente. Il ministro della Giustizia Chris Grayling ha annunciato oltre 4.200 licenziamenti di guardie carcerarie al lavoro in “vecchie e costose” prigioni, per un totale di sette prigioni chiuse e tagli di oltre il 10% al budget.

Maxi centri detentivi
Il piano dichiarato del Governo Cameron è di chiudere le piccole prigioni locali e travasare i carcerati in macro centri detentivi, più ampi e quindi decisamente più economici da mandare avanti. Così, mentre saranno chiuse sette prigioni locali, una macrostruttura carceraria con 2.000 posti letto è in programma a Wrexham, in Galles. Un’altra megalopoli detentiva sorgerà invece nel Sud Est dell’Inghilterra. Una “super-prison” (come è ormai chiamata nel Regno Unito) che sarà di un quarto più grande di qualunque prigione mai costruita oltre Manica. «Non vogliamo costruire un maxi carcere per mandare più persone in prigione – ha detto con tono sicuro il ministro della Giustizia –. Ma se un tribunale ritenesse necessaria la pena detentiva e non ci fossero più posti liberi nelle nostre carceri, come ci dovremmo comportare? Vogliamo abbattere i costi delle sovraffollate prigioni inglesi ed essere certi che entro il 2015 ci saranno più posti disponibili rispetto a quanti ne abbiamo ereditati all’inizio del nostro».
Peccato che i dati raccontino un’altra storia, lontana dal sovraffollamento. Infatti, anche se la popolazione carceraria in Inghilterra e Galles ha raggiunto la cifra record di 85.201 persone (circa il doppio rispetto a vent’anni fa), la capacità operativa delle sue strutture può ospitare fino a 90mila persone

Inutile perdita di denaro
«Stiamo assistendo a un’incredibile perdita di denaro pubblico che non aiuterà di certo a ridurre la criminalità», sostiene Frances Crook, direttore di Howard League, onlus impegnata nella difesa dei minori in carcere. «A due anni dalla campagna elettorale, il governo Cameron sembra preferire proposte altisonanti piuttosto che pensare realmente alla sicurezza pubblica».
Della stessa posizione Juliet Lyon, presidente di Prison Reform Trust, la onlus di riferimento per chi nelle prigioni ci lavora. Chiudere istituti carcerari e ridurre il numero del personale carcerario può offrire immediati vantaggi economici in linea con la spending review di Cameron, ma «sarebbe un gigantesco errore se il ministro della Giustizia sprecasse i soldi dei cittadini costruendo edifici titanici invece di investire in comunità preventive o progetti sociali». Basti pensare che in Inghilterra il 60% dei condannati o commette nuovi reati dopo essere stato rilasciato, o ne ha già commessi prima di essere nuovamente arrestato.
E così le onlus inglesi si interrogano su come sia possibile che strutture carcerarie da 2.000 detenuti possano aiutarne la riabilitazione. Senza considerare il fatto che le piccole prigioni locali tendono ad essere più sicure rispetto alle macrostrutture in programma. «Per risparmiare, il Governo sarebbe disposto a esporre le carceri al rischio del sovraffollamento», aggiunge Joe Simpson della onlus londinese Prison Officers.

Le carceri femminili
Altro punto dolente della riforma sono le carceri femminili. «Le prigioni femminili vedranno dei cambiamenti entro i prossimi due anni. Alle detenute, per esempio, saranno concessi permessi speciali legati alla loro condizione particolare di mamma e donna», continua il ministro della Giustizia, senza specificare in che modo si materializzano le sue cure. Perché il mondo carcerario femminile non è certo roseo.
Oltre il 50% delle detenute inglesi dichiara di avere ricevuto un abuso fisico, emotivo o sessuale durante la loro detenzione. Sono dati dello stesso ministro della Giustizia. Dati che trovano una chiara conferma negli sconvolgenti report governativi.
«Troppe le assunzioni maschili, per un carcere prettamente femminile. Le detenute si lamentano che il personale maschile della prigione entra nelle loro stanze senza preavviso e senza bussare.
Di notte, spesso interi settori del carcere sono sorvegliati da una sola guardia di sesso maschile», si legge sull’impolverato report governativo del 2011 sul «cpt inglese» di Yarl’s Wood, in Bedfordshire.  A settembre, diverse ex detenute hanno confessato su tutte le pagine dei giornali inglesi di essere state stuprate dalle guardie di sicurezza.
Andando avanti a leggere gli ultimi rapporti del governo, si scoprono dichiarazioni abbastanza simili da parte delle detenute della piccola prigione di Holloway, a Londra, che sarà interessata dai tagli del personale. Nel 2010 un’ispezione governativa rileva 35 incidenti di autolesionismo ogni settimana (su una popolazione carceraria di 501 detenute). L’ultimo report governativo risale proprio al 2010, quando le detenute di lamentavano di «alcune attenzioni indesiderate da parte del personale carcerario maschile. Le detenute erano spaventate anche dal fatto che le guardie di sesso maschile le osservassero abitualmente dormire attraverso gli spioncini».
Di fronte a questo report, parte dello staff della prigione è stato messo sotto controllo per poi essere presto scagionato per mancanza di prove. Lo stesso Ispettorato carcerario – un organo indipendente che controlla le condizioni delle prigioni di Inghilterra e Galles – si è detto preoccupato per le già limitate risorse economiche delle prigioni inglesi. Una preoccupazione che si legge negli occhi di chi cerca di aiutare le detenute.

La speranza in un teatro
Clean Break è una compagnia teatrale londinese di ex carcerate. La loro speranza è che il teatro porti alla luce le storie di soprusi subiti in carcere. «Il modo in cui le donne sono trattate da parte della giustizia inglese raccontano dall’associazione è una delle dimostrazioni più evidenti che la nostra società è ancora fondamentalmente ingiusta.

La maggior parte delle donne in carcere ha un passato di violenza subita: quella stessa violenza che continuerà a subire proprio dietro le sbarre». <
Reazioni: 

Related

Esteri 4896090944953411927

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item