Amici, compagni, ragazzi! Uniamoci!

dchat di Elena Giordano Destinatari Tutti gli studenti  lavoratori Mittente Maya, studentessa al primo anno di università...

dchat
di Elena Giordano

Destinatari
Tutti gli studenti
 lavoratori

Mittente
Maya, studentessa
al primo anno di università

Amici, compagni,
ragazzi! Uniamoci!
No, non sono impazzita, né sono fuori di testa per avere dormito solo quatto ore, questa notte. Voglio raccontare a tutti la mia felicità per una vita vissuta non intensamente, di più! Non alla grande, di più!
Volete sapere qual è la mia giornata tipo in questo mese di luglio? Semplice: sveglia all’alba, ore 8,30 inizio a studiare: mi attendono da qui alla fine del mese tre esami, belli tosti. Ore 12 pranzo leggero, ore 13,30 scappo da Ivan, il mio ragazzo, che esce dal lavoro. Due passi insieme, quattro baci e poi ritorno di nuovo a casa, per la seconda full immersion della giornata. Ore 18, cervello fuso, stop alle attività, un’ora di corsa, o palestra, o bici, o qualunque sport mi aiuti a staccare il cervello e ricaricare le pile.
Due volte a settimana passo dalla nonna, e una volta a settimana anche in oratorio per l’incontro con gli amici. Tre sere a settimana, nei weekend, servo ai tavoli in una birreria: certo, non sarà il lavoro della vita, ma è ciò che mi consente di avere una leggera autonomia economica, e di non gravare troppo sui miei.
Sapete cosa vi dico? Queste ore di lavoro sono le più intense della settimana. Le più gratificanti.
Per questo invito a provare: non limitatevi a studiare, anche se questo rimane il vostro impegno primario. Trovate cose da fare, “collaterali”. Volontariato, impegno civile, lavoretti: è appagante, fa sentire adulti, indipendenti.
La mia autostima è cresciuta un sacco: io non sono solo “io”, sono una persona che studia e lavora, tiè!
È vero, la sera sono morta, ma tanto soddisfatta che persino la stanchezza non è poi così difficile da gestire.
All’inizio i miei non erano molto d’accordo, “Tu pensa a studiare”, ripetevano. Ma siccome anche il mio fratellone era riuscito a lavorare – da un meccanico! – a suo tempo, ho fatto leva su questo e sono riuscita a spuntarla.
Tutti dicono che il futuro sarà, per noi giovani, complicato, difficile. Io rispondo: “Bene, allora attrezziamoci”, uniamo attività mentale e attività fisica, studio e lavoro.
Io voglio essere preparata, arrivare con le armi ben affilate quando si tratterà di competere con i miei coetanei. Date retta a me… non fatevi il vitalizio, come suggerisce Crozzi-Razzi, ma rimboccatevi le maniche!


Contatti
Inquadra il tuo QRcode
e partecipa al nostro forum on line.

Oppure scrivi a
dimensioni@dimensioni.org

Gli interventi più interessanti saranno pubblicati anche sulla rivista.

 Quanta energia avete? Tantissima! Scegliete voi come usarla:
- mi occupo solo di ciò che
  devo per forza seguire
- cerco di essere poliedrico e
   mi lascio catturare dalle mille
   iniziative che incontro
- scelgo due-tre impegni e
  seguo quelli col massimo
  della serietà
- preferirei non consumare
  tutta l’energia e lasciarne un
  po’ per quando sarò vecchio


 Lo studio e il lavoro possono essere integrati e modulari. Indagate tra amici e parenti adulti: chi di loro ha sperimentato questa “doppia via”? 
Reazioni: 

Related

dChat 7797091334200124983

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item