Berlino: la città che ha abbattuto il muro

di Francesca Binfarè 25 anni fa cadeva la dolorosa barriera tra Est e Ovest La città che ha abbattuto il muro Famosa per ci...

di Francesca Binfarè




25 anni fa cadeva la dolorosa barriera tra Est e Ovest

La città che ha abbattuto il muro
Famosa per ciò che bloccava il mondo nelle tensioni della Guerra Fredda, di quel periodo restano i musei, la memoria
e alcuni eventi da non perdere. Ma Berlino è soprattutto una città cosmopolita e frizzante, giovane e all’avanguardia.

 Perché andarci a novembre? Per un anniversario storico: 9 novembre 1989. È la data della caduta del Muro di Berlino, evento simbolo che ha segnato la fine dell’era della Guerra Fredda nel mondo. Nel 1989 i cittadini di Berlino Est e Ovest si sono abbracciati e a testimonianza di quel momento storico restano foto, immagini, cimeli.
Il prossimo novembre saranno dunque 25 anni dalla caduta del Muro, ricorrenza che la capitale tedesca vuole festeggiare in maniera solenne, accogliendo un numero altissimo di turisti. Non che servano scuse per visitare Berlino, città di cultura, con una vivace scena artistica, casa di designer d’avanguardia, sede di prestigiosi musei, metropoli versatile e sorprendente. Però il prossimo novembre ci sono delle motivazioni in più per essere là a festeggiare.

Bellezze uniche
Tra i tanti monumenti in città, ce ne sono alcuni da non perdere. Fra questi c’è la Porta di Brandeburgo, simbolo di Berlino e, dopo la caduta del Muro, emblema dell’unità tedesca. Anche il Reichstag merita una visita: è la sede del parlamento federale tedesco e dall’alto della sua moderna cupola di vetro si ammira un meraviglioso panorama della città.
Berlino ha un’isola dei musei, la Museumsinsel, che fa la gioia di tutti gli appassionati di arte e di storia: è un grande complesso museale, inserito tra i siti del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Da non perdere il Pergamonmuseum, importante museo archeologico tra le mete più frequentate dai turisti – per questo è bene prenotare il biglietto. Il Museo è aperto e visitabile, ma in ristrutturazione: capita, la bellezza va conservata; un po’ spiace ma si può chiudere un occhio pur di vedere gli antichi tesori che il museo espone, come le imponenti ricostruzioni della Porta di Ischtar con la Strada delle Processioni di Babilonia e la Porta del mercato di Mileto, che lasciano letteralmente a bocca aperta.
Una volta a Berlino non si può non attraversare la famosa Alexanderplatz con il suo orologio universale, fotografare la torre della televisione, visitare il Duomo e passeggiare lungo il viale Unter den Linden. Gli orrori della Seconda Guerra Mondiale sono tuttora visibili presso la Chiesa dell’Imperatore Guglielmo, le cui rovine (fu bombardata) fanno parte dell’edificio costruito nel 1961. Invece, voltando pagina, per fare un tuffo nella Berlino moderna non c’è niente di meglio di Potsdamer Platz e dei suoi grattacieli: un incredibile colpo d’occhio.
E naturalmente, una visita è d’obbligo al Muro di Berlino. Si può seguire l’ex tracciato della frontiera (il Muro era un confine di Stato) lasciandosi guidare da una doppia fila di ciottoli che indica la strada.

Il Muro di Berlino
Il Muro di Berlino per 28 anni ha diviso la città, le famiglie, gli amici dell’Est e dell’Ovest, quindi si può capire l’euforia che ha accolto la sua caduta e si può anche comprendere come in città ci siano svariati monumenti commemorativi, ex torri di guardia, esposizioni di fotografie, articoli, ricostruzioni… tutto a perenne memoria di quelle vicende e della rivoluzione pacifica che ha portato alla riunificazione tedesca.
Per esempio, oggi restano alcuni tratti e pezzi originali del Muro e il Mauermuseum (si trova in Friedrichstraße) ne racconta la storia, esponendo anche oggetti usati dalle persone per riuscire a fuggire da Est a Ovest e gli stratagemmi che hanno messo in atto per farlo. Il BlackBox Cold War al Checkpoint Charlie illustra al pubblico la storia di questo famoso e famigerato passaggio di confine tra Est e Ovest.
Sempre in Friedrichstraße si trova Panorama Asisi, realizzato dall’artista Yadegar Asisi. Permette di vedere una panoramica della vita nelle due parti di Berlino, in un fittizio giorno d’autunno degli anni ’80. Ci sono anche un memoriale e la Cappella della Riconciliazione, per ricordare la storia dolorosa del Muro ma anche il valore del perdono e della ritrovata unità.

L’anniversario della
riunificazione tedesca
Il 9 novembre prossimo sono in programma una serie di eventi, mostre ed esposizioni in tutta Berlino. Questa sarà anche l’occasione per vivere le vicende del Muro con un tour a piedi guidati da un GPS, oppure in bicicletta, o ancora guidando un’auto Trabant originale attraverso la parte Est di Berlino. Al DDR Museum si può conoscere la vita ai tempi del socialismo in Germania Est, attraversando con una Trabant un insediamento virtuale di case. Oppure, ci si può far interrogare dalla Stasi (la polizia segreta della Germania Est).
Oggi risulta intrigante il pensiero di uno Spy Museum e ci incuriosiscono le mostre sui metodi di lavoro delle agenzie di spionaggio durante la Guerra Fredda; figuriamoci poi se si potesse partecipare a un tour delle spie attraverso le vie di Berlino: eppure, all’epoca questi nomi e queste situazioni suscitavano ben altri terribili pensieri (tutte queste proposte sono in via di allestimento o in fase di studio nel momento in cui scriviamo: verificate le possibilità su www.wall.visitBerlin.com).
Se vi piace l’idea di visitare la città a bordo di un’auto d’epoca, sul sito www.trabisafari.de trovate varie proposte di tour.
C’è anche un po’ di poesia nelle commemorazioni riguardanti il Muro: durante il weekend del 7, 8 e 9 novembre un’installazione luminosa composta da centinaia di palloncini illuminati ricreerà il suo percorso attraverso il centro della città, per ben 15 chilometri. Il 9 novembre questa linea luminosa sarà simbolo di speranza per un mondo senza steccati e sarà accompagnata da una catena umana a ricordo delle vecchie divisioni.
www.kulturprojekte-berlin.de


Altre esperienze da vivere
Ma Berlino, come si sa, non è solo il suo Muro e quel che ne resta. La città è frizzante e ricca di spunti che possono soddisfare sotto tanti punti di vista il viaggiatore più curioso.
Ad esempio, guardare la città dalla prospettiva dell’acqua: si può fare, stando comodamente seduti sul ponte delle imbarcazioni che navigano tra diverse attrazioni di Berlino. Segnatevi anche una tappa al sesto piano del più ampio Grande magazzino dell’Europa continentale, il KaDeWe, dove sono in vendita specialità culinarie provenienti da ogni angolo del mondo. Solo i tipi di formaggio in vendita sono 1300… da perdersi!
Visto che siamo in tema di cibo, ricordatevi di provare il classico menu berlinese che non è altro che un saporito currywurst, un wurstel tagliato a pezzetti e servito con curry e alcune salse. Accompagnandolo con un buon boccale di birra, bevuta responsabilmente.
Infine, per dare un ultimo saluto alla città, si può fare un salto a Bikini Berlin, centro commerciale con hotel e svariati altri servizi: l’attrattiva principale per i turisti è rappresentata dalla sua terrazza, che guarda da un lato sullo zoo della città e che offre dall’altro anche un bel panorama su Berlino.
Un bel arrivederci a questa vivace capitale.

Reazioni: 

Related

viaggi 84679803638418241

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item