Autorevolezza

di Elena Giordano dwords Autorevolezza “È la caratteristica di chi possiede un’autorità, un prestigio che gli deriva da capacità ...

di Elena Giordano
dwords
Autorevolezza
“È la caratteristica di chi possiede un’autorità,
un prestigio che gli deriva da capacità e meriti effettivi”. (dizionario Garzanti)

L’autorevolezza è una dote effettiva, cioè reale, che possiedono i grandi statisti, le persone capaci di guidare i popoli, ma anche i bravi insegnanti e i genitori, o il leader di un gruppo di amici. È quel saper fare e dire le cose giuste al momento giusto. È saper guidare gli altri verso i giusti obiettivi. Senza costringere o usare la forza, ma solamente perché si è delle persone rette.
Facciamo un po’ d’ordine. Spesso la lingua italiana è ingannevole: ci fa utilizzare parole molto simili, che in realtà hanno significati ben diversi: è il caso di autorevolezza e autorità. Le due parole, pur avendo la stessa radice, fanno riferimento a mondi e persone lontani tra loro.
La persona autorevole è quella che viene riconosciuta come “preziosa”, perché portatrice di messaggi che gli altri sono disposti a seguire. Di competenza e coerenza. Quando la persona autorevole parla, tutti la stanno ad ascoltare. Non tanto per il suo timbro di voce importante, ma perché quanto sta dicendo è corretto (anche se magari sta dando alla platea delle brutte notizie).
La persona autoritaria, invece, è tale perché possiede un grado, una qualifica, che la pongono sopra gli altri. Ma non è detto che agli altri questo tizio piaccia. La persona autoritaria, per esempio, prende decisioni che tutti coloro che stanno “sotto” devono per forza accettare.
Avete mai conosciuto persone autorevoli e autoritarie? Sicuramente sì, e anche tante.
Per esempio, c’è il prof che riesce a farsi rispettare da tutta la classe, perché è serio, rispetta le regole, non offende, spiega bene (è autorevole).
Poi c’è il prof che sbraita dall’inizio alla fine dell’ora, ha “le lune”, spiega ma nessuno capisce, ci mette settimane a consegnare le verifiche corrette e sgrida senza motivo (è autoritario).
Pensate poi agli uomini politici. Ci sono personaggi (anche in Italia, non è il caso di pensare solo a Obama, o a Bono degli U2) che riescono a farsi rispettare: hanno prestigio, nel senso che vengono ascoltati e le loro parole sono influenti. Viceversa, ci sono tanti altri personaggi di spicco – che casualmente ritroviamo ogni giorno in Tv – che urlano e sbraitano, e usano le parolacce e gli insulti. Questi ultimi riescono a fare breccia sono in una piccola parte della popolazione, nelle persone che vivono “di pancia”, senza attivare per bene il cervello.

I maestri
Papa Francesco: inizialmente stimato per la sua simpatia e semplicità, nei mesi che hanno seguito la sua elezione si è imposto davvero per un fortissimo senso di autorevolezza e rispetto che “naturalmente” fluisce da ogni suo discorso. I potenti della Terra lo rispettano, lo ascoltano e – anche se non particolarmente credenti – lo scelgono come riferimento e come maestro di vita. E più Papa Francesco richiama i cristiani ai valori di povertà, condivisione, accoglienza, più la sua figura viene ammirata.

Un altro esempio? Il Mahatma Gandhi (morto nel 1948), che ha fatto della non violenza la sua “arma” per sconfiggere le disuguaglianze che vessavano il suo Paese, l’India.
Reazioni: 

Related

dWords 4770535082700851606

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item