Le meraviglie di Valencia

di Francesca Binfarè Tra monumenti, spiagge, natura, edifici avveniristici Le meraviglie di Valencia Affacciata sul mare,...


di Francesca Binfarè



Tra monumenti, spiagge, natura, edifici avveniristici


Le meraviglie di Valencia


Affacciata sul mare, vivace dal punto di vista culturale, ricca di storia ma anche moderna, la città spagnola è uno scrigno di sorprese.



   Difficile non amare Valencia al primo sguardo. È una città ricca di storia ma anche estremamente dinamica, dove non manca il divertimento, piena di cultura, con una gastronomia variegata. Del resto non può che essere intrigante e affascinante una città che ha più di 2000 anni di storia, durante i quali ha saputo attingere alle diverse culture che si sono alternate sul suo territorio facendole proprie, diventando quell’attrazione turistica e culturale che è oggi.

   Valencia è una località di mare, con un clima piacevole e facilmente raggiungibile in aereo dall’Italia. Passeggiare nel suo centro storico può far scoprire angoli poetici e inaspettati, un po’ come succede nelle città italiane; oppure può divertire i suoi visitatori con un’allegra festa in terrazza, quando il caldo del giorno lascia il posto alle belle serate mediterranee. È per tutto questo che Valencia piace a prima vista.



Luoghi al top



   Romana, musulmana, gotica, barocca e modernista: Valencia è tutto questo. Il cuore della città è la Plaza de la Virgen, che ospita due tesori come la Cattedrale e il suo complesso (un sovrapporsi di architetture gotiche, romaniche e barocche) e la Basilica della Vergine. Per ammirare la città e stendere lo sguardo fino al mare, si può salire sul Miguelete, il campanile della Cattedrale. All’interno della chiesa si può ammirare il Santo Graal, il Santo Calice che, secondo la tradizione, è stato utilizzato da Gesù nell’Ultima Cena: i papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno qui celebrato la Messa con questa reliquia.
L’avventuroso Indiana Jones che sta nascosto in ognuno di noi può trovare il Graal custodito nella Cappella del Santo Calice. La vicina Basilica della Vergine è un gioiello barocco dedicato alla Patrona di Valencia, a cui è dedicato il Museo Mariano ospitato nel complesso della basilica.

   Assolutamente da non perdere per un affascinante tuffo nel passato è il Quartiere del Carmen, che si è sviluppato tra due cinte murarie, quella musulmana e quella cristiana. Le viuzze lastricate creano un labirinto tra imponenti edifici medievali in cui è davvero piacevole perdersi… finché non si sbuca alle Torri di Quart e di Serranos, che sono due delle porte gotiche di ingresso alla città e che, nel corso dei secoli, hanno contribuito alla sua difesa.

   La Lonja de la Seda o Borsa dei Mercanti è un altro simbolo della città, ed è uno dei più famosi monumenti in stile gotico civile che si possa trovare in Europa, tanto da essere stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Da non perdere è la sala con colonne tortili slanciate verso l’alto, una meraviglia per gli occhi.

   La Borsa dei Mercanti si trova davanti al Mercato Centrale, opera modernista in metallo e vetro sormontato da una spettacolare cupola. Si tratta di uno dei più grandi mercati al coperto d’Europa, con le sue 1200 bancarelle che vendono prodotti alimentari. Anche questo è un piccolo primato di Valencia, oltre ad essere un tripudio di colori e profumi in cui è un piacere immergersi.

In una immaginaria top ten cittadina di monumenti e luoghi da non perdere, bisogna inserire certamente un punto di riferimento moderno come la Città delle Arti e delle Scienze, il più grande centro ludico-culturale d’Europa. Qui l’architettura prende le forme affascinanti disegnate da Santiago Calatrava, che è proprio originario di Valencia. Il complesso comprende il più grande acquario d’Europa, un Museo delle Scienze, un’arena per spettacoli e il Palazzo delle Arti Regina Sofia che ospita opere artistiche d’avanguardia. Nel polo culturale si trova anche l’Hemisfèric, la sala per proiezioni più grande della Spagna, e il giardino-belvedere Umbracle: da qui si può ammirare il complesso nella sua interezza.




La paella

   Sono stati gli arabi a introdurre la coltivazione del riso a Valencia e nella sua regione (in particolare nei pressi del parco naturale dell’Albufera), nel VII secolo. Le varietà di riso coltivate sono tre: Bomba, Senia e Bahia. Vista l’abbondanza di questo alimento, gli abitanti hanno inventato una sorta di stufato con riso e altri prodotti locali, come pollo, fagioli e fagiolini, coniglio, pomodoro, zafferano, aglio: così è nata la paella, che oggi viene realizzata in moltissime varianti.

   Il suo nome deriva dalla pentola bassa e larga in cui viene preparata: tradizionalmente la paella si mangia proprio dal contenitore con cui viene cotta, senza usare piatti individuali.



Un tuffo nella natura

   Valencia è una città facile da visitare, magari noleggiando una bicicletta, utile anche per scoprire i dintorni del centro urbano, tra mare e natura. In alternativa alle due ruote, per spostarsi c’è la pratica e vantaggiosa Valencia Tourist Card: consente di utilizzare tutti i mezzi pubblici per 24, 48 o 72 ore, e di usufruire di numerosi sconti per musei, ristoranti e negozi della città. Attorno a Valencia ci sono 7 chilometri di spiagge, collegate al centro urbano da autobus, tram e piste ciclabili: il mare è davvero a portata di mano.

   La Marina Real Juan Carlos I è un punto di riferimento della città per gli eventi che ospita, per i suoi bar e ristoranti: è l’evoluzione del porto storico di Valencia e si trova vicino alle spiagge di Las Arenas e la Malvarrosa (ammirate da qui il tramonto sul mare), perfette per una passeggiata e per assaporare la cucina valenciana.

   Bellissima per una gita è l’Albufera con il suo parco naturale, il più esteso d’Europa vicino a un centro abitato di grandi dimensioni: si trova a soli 15 minuti di bus da Valencia. 3000 dei suoi 21000 ettari sono occupati dalla laguna, paradiso per uccelli e pesci; si possono fare giri in barca, vedere le abitazioni tipiche della zona (dette barracas) e ammirare i campi di riso di cui l’area è ricca. Non per niente il piatto tipico, qui, è la paella.



Divertimento giorno e notte

   Valencia con la bella stagione è da vivere in riva al mare, sia di giorno sia di notte: le terrazze dei locali dopo cena si animano per accogliere musica e chiacchiere, mentre le prime luci della notte rendono la città ancora più incantevole. Valencia ospita più di 8000 bar, caffetterie e ristoranti: un posto tradizionale o moderno, tranquillo o festaiolo dove trascorrere la serata certamente si trova.

   Tra i locali particolari che Valencia mette a disposizione dei suoi visitatori c’è l’Umbracle: è proprio quello che si trova all’interno della Città delle Arti e delle Scienze, che di sera si trasforma in una discoteca a cielo aperto molto alla moda.

   Il prossimo 23 giugno, poi, si festeggia la Noche de San Juan: in questa occasione le spiagge di Valencia si preparano ad accogliere l’estate. Migliaia di persone si danno appuntamento in riva al mare per trascorrere la nottata in compagnia, mentre bruciano i falò. Secondo la tradizione a mezzanotte si esprime un desiderio e poi si salta tra le onde per sette volte affinché questo si realizzi.

   Il mese di luglio è una festa continua: le notti sono animate da un ricco programma di concerti all’aria aperta, spettacoli vari e fuochi d’artificio. Infine, se siete a Valencia il 26 di agosto ricordate che non lontano, a Bunol, si festeggia la Tomatina. È una battaglia a suon di lanci di pomodori, appuntamento tradizionale per gli spagnoli, anche i più giovani, e per molti stranieri che non vogliono perdere questa particolare festa.

Prepara online la tua visita

   Qui tutte le informazioni, anche in italiano: www.visitvalencia.com

Città delle Arti e delle Scienze: www.cac.es

La Marina Real: www.marinarealjuancarlosi.com

Umbracle, la discoteca: http://umbracleterraza.com

Il sito della Tomatina: www.tomatina.es

Informazioni e prezzi per noleggio biciclette: http://shop.visitvalencia.com/it/noleggio-biciclette









DIRITTI PER LE FOTO: ©TVCB, Valencia. Tutti i diritti riservati. www.turisvalencia.es
Reazioni: 

Related

viaggi 7047968831722089669

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item