Aggiungi un posto a tavola

società di Elena Giordano L’amicizia nel piatto Aggiungi un posto a tavola Da dove deriva questa travolgente passione per i...

società


di Elena Giordano

L’amicizia nel piatto
Aggiungi
un posto a tavola
Da dove deriva questa travolgente passione per il cibo
che riempie tutti i mezzi di comunicazione?
È solo una questione di marketing o c’è qualcosa di più
(per esempio il piacere del mangiare-stare insieme)?

  Un tempo l’Italia era un Paese di santi, poeti e navigatori. Oggi queste professioni-attitudini sono agée, e gli italiani si sono trasformati in buona parte chef, con la cucina diventata fenomeno di costume. Tra i canali dedicati, i giornali, le trasmissioni Tv, le competizioni, le fiere, il tempo delle persone è stato riempito da “impiattamenti”, degustazioni, forno ventilato, grani antichi.
Il fenomeno ha radici profonde ed è “naturale”, per il nostro popolo; schiere di detrattori si stanno facendo avanti al grido di “Basta parlare di cibo”, ma il percorso seguirà un suo andamento naturale, ossia raggiungerà a brevissimo l’apice e poi inizierà a rallentare (ma non scomparirà).

Un popolo di buongustai
con un occhio all’economia
Ogni regione italiana è riuscita a costruirsi una tradizione gastronomica importante, valorizzando i prodotti del suo territorio e la passione per l’artigianalità. Da qui il fiorire di proposte gastronomiche che, in molti casi, hanno scavalcato i confini del negozietto di provincia per approdare al supermercato, raggiungendo così fama e riconoscimento nazionale.
Valorizzare i prodotti Made in Italy significa, inoltre, avere successo anche all’estero, dunque far respirare l’intera economia nazionale, oltre che fare felici i turisti che approdano in trattorie e pizzerie del Bel Paese.

Un popolo di chiacchierini
Sbaglia chi crede che esista solo il piacere del mangiare per il mangiare. Le persone sono anche interessate a condividere (l’esperienza gastronomica, ma non solo): la tavola è l’occasione che fa incontrare le famiglie, passare tempo assieme. Dunque esplorare spaccati della vita, affrontare i problemi, metterli – appunto sul piatto – tra un tortellino di Valeggio e una fetta di prosciutto di Parma Dop che magari smorzano la tensione.
Ecco spiegato perché, passata la moda del Food in Tv, il legame tra il cibo e gli italiani resterà sempre fortissimo. Perché trattasi di uno strumento pacificatore, consolatorio, appagante, coccolante, riposante. Insomma, meglio delle medicine, dello psicologo, di un buon film o un panorama romantico.

Tutti chef? Mah
Non tutti forse lo ricordano, ma un tempo – specie in occasione dei Mondiali di Calcio – si diceva che in Italia vi fossero 60 milioni di allenatori della Nazionale. Ebbene, questo è il tempo dei 60 milioni di chef. Il fenomeno è divertente (forse non per i veri professionisti!): dopo aver leggiucchiato una ricetta, seguito tre trasmissioni di cucina in Tv, provato una volta a preparare la pizza… tutti si sentono in dovere di dire la loro. E via schiere di clienti esigenti osservare con puntiglio i menù e valutare la croccantezza e lo spessore dell’impasto della pizza.
Sapere tutti un po’ di più è certamente un bene: importante è non esagerare, e non pretendere di avventurarsi per ostici sentieri, di competenza di chi della cucina ha fatto la propria arte.

Basta una pizza
Il gusto non è un’attitudine che si riceve in dono una mattina. Va coltivato: e non occorre avere 30 anni per iniziare. È vero che, anche a causa di budget più limitati, i giovani prediligono la pizza e non il piatto gourmet. Ma questo non li mette al riparo dal “non sapere”: tutti possono capire se lo spezzatino è cotto al punto giusto; se il dolce è industriale o artigianale.
Stessa logica, altro ambito: non è necessario sognare di diventare Carlo Cracco per mettere mano ai fornelli: tutti, a casa, sono dotati di qualche pentola e frigorifero. Perché non iniziare a sperimentare, provare? Aspettare di “essere sposati” o “andare a vivere da soli” non è molto furbo: la cucina è un gioco, divertente e curioso, provare non costa niente ed è, soprattutto, il punto di partenza per creare occasioni di convivio e incontro con gli amici.
Le serate trascorse attorno alla tavola, con anche gli spaghetti scotti e il ragù fatto preparare dalla mamma, sono le migliori. Perché si basano su semplicità e simpatia. Abituati a ragionare – questo sì, per colpa della Tv – in termini di sovrastrutture ed eleganza, molti si dimenticano che non è necessario avere i sottopiatti e tre diverse serie di calici per fare bella figura. Basta essere felici di vedere gli amici.
A pensarci bene, questo è il punto di forza di tante forme di aggregazione, dal gruppo parrocchiale alla squadra sportiva: sapere che esiste – dopo le attività − il momento dello stare insieme seduti attorno a torte e focacce. Così, alla buona. C’è però sempre qualcuno, nel gruppo, che ha un po’ più di dimestichezza coi fornelli; che magari prepara il gelato o sa seguire la cottura della grigliata al meglio. Potreste essere voi, perché no?

Siamo quello che mangiamo
Nel tentativo di “infilare” il cibo in tutti gli aspetti della vita, gli uomini e le donne del marketing si sono dimenticati un fatto essenziale: mangiare non significa solo nutrirsi ma, per quanto detto sopra, cercare di stare meglio, con se stessi e con gli altri. Noi siamo quello che mangiamo, ma non possiamo seguire una dieta perpetua, né uno strafogo eccessivo. Siamo tutti potenziali chef stellati, ma anche clienti mangianti attenti e disposti a imparare. Ci piace assaggiare e, se questo avviene in compagnia, anche il cibo risulterà migliore.
Il Food è arte, certamente, dunque tanto di cappello per chi ne esalta l’eccezionalità. Ma è anche “Mannaggia mi si è scotta la pasta”, dunque democratico pasticcio da tutti compreso. Siamo quello che mangiamo: persone che, come gli alimenti, cercano, attraverso combinazioni chimiche, di trovare la ricetta dell’amicizia perfetta.<

 

Le basi, prima di tutto

La cucina “vera”, ossia quella seria, proposta da ristoranti e trattorie, si è fatta via via sempre più raffinata. Molta attenzione è dedicata agli ingredienti, alla preparazione dei piatti, agli accostamenti, nel segno della semplicità, ma anche della ricercatezza.
Attenzione, però, come spiega Marco Colognese, critico gastronomico e collaboratore della Guida ai Ristoranti d’Italia de L’Espresso: “Prima di avventurarsi nella preparazione di piatti complessi, sarebbe bene che tutti i ristoratori italiani fossero forti e ferrati nei piatti classici, che rappresentano la base della nostra cucina…”. Come dire: partiamo tutti dai fondamentali, poi spingiamoci oltre. Ma il ragù alla Bolognese non può non essere eseguito alla perfezione…


Punto 1: Dove va il gusto

Ogni periodo storico ha le sue passioni e le sue manie. La crisi economica e finanziaria iniziata nel 2008, che sta lentamente regredendo, ha modificato le abitudini dei consumatori italiani, da tanti punti di vista. Negli scorsi anni, imperativo era, per quanto possibile, rimanere a casa per cena, per cercare di risparmiare sulla spesa per il cibo. Da qui una riscoperta del cucinare, del cimentarsi ai fornelli. Ultimamente il desiderio di uscire è ripreso, ma le persone hanno acquisito una nuova consapevolezza: se mangiare dobbiamo e vogliamo, cerchiamo di trattarci bene, ossia con cibo di qualità.



Punto 2: Benessere

A osservare cosa succede sugli scaffali c’è da sorridere: cibi che una volta venivano ignorati, oggi sono diventati protagonisti della tavola. Si prenda il caso della frutta secca. Il suo consumo era sempre stato abbinato ai pranzi di Natale e al periodo invernale. Oggi, invece, questo prodotto ha assunto un nuovo – e giusto – ruolo. Poca frutta secca ogni giorno aiuta a vivere meglio e mantiene in salute, dunque è perfetta per trasformarsi in snack. Oppure in ingrediente per nuove ricette da provare in cucina. Che si tratti di bacche di goji o noci e mandorle, il percorso è tracciato.



Reazioni: 

Related

Società 982090018158870233

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item