Europei: al ballo delle debuttanti

sport di Stefano Ferrio Europei, l’Italia cerca spazio Al ballo delle debuttanti Un’incognita la nazionale di Conte alla ...

sport
di Stefano Ferrio



Europei, l’Italia cerca spazio

Al ballo
delle debuttanti
Un’incognita la nazionale di Conte alla gran festa di calcio in programma per un mese in Francia. Azzurri sospesi tra le favorite Germania, Spagna e Francia, e l’allegra combriccola delle ultime arrivate, a cominciare da Islanda e Albania. Ma l’“avversario” di tutti sarà il terrorismo.

   La Germania campione del mondo, la Spagna campione d’Europa in carica, la Francia padrona di casa. Più un’Italia forse da scoprire, un Belgio quanto mai da temere, un’Inghilterra decisa a non fare più la comparsa. Tutti nomi senz’altro da pronosticare per la vittoria, alla vigilia di Francia 2016, soprattutto i primi tre, eppure... Eppure uno spettro si aggira per l’Europa, anzi due...
Rispetto al Manifesto di Karl Marx, che nel 1848, con quella famosa frase, auspicava l’avvento del comunismo, quando si avvicinano gli Europei di calcio, gli incubi dell’establishment continentale del pallone non hanno un solo nome, bensì due, a loro tempo rivoluzionari: Danimarca e Grecia.
Alla vigilia della quindicesima edizione del massimo campionato per squadre nazionali istituito dalla Uefa, in programma in Francia dal 10 giugno al 10 luglio prossimi, ci si chiede quindi se il verdetto finale avrà la stessa sorprendente forza d’urto di quanto avveniva nel 1992 in Svezia, con la vittoria della Danimarca, e nel 2004 in Portogallo, con la coppa finita nelle mani di Theodoros Zagorakis, centrocampista e capitano della nazionale ellenica.
Due squadre fuori da ogni pronostico, se pensiamo che i danesi furono addirittura ripescati al posto della Jugoslavia, impossibilitata a presentarsi a causa della guerra civile che la insanguinava, mentre i greci vincenti a Lisbona erano dati uno a mille dai bookmaker dell’epoca.

Occhio alle sorprese
Dovesse in qualche modo valere la regola dei dodici anni, il 2016 si annuncia come foriero di un nuovo, possibile terremoto in grado di scompaginare le certezze ereditate dall’albo d’oro del torneo: tre titoli a Germania e Spagna, due alla Francia, uno a testa a Italia, Olanda, Danimarca, Grecia, nonché a due nazionali estintesi con la fine dell’Europa dei due blocchi: Unione Sovietica e Cecoslovacchia.
La formula stessa del torneo francese, allargata a ventiquattro squadre, otto in più delle sedici ammesse fino al 2012, e l’andamento delle fasi di qualificazione, danno credito all’ipotesi di un nuovo blitz ordito da una delle ultime arrivate.
Chi ha seguito i gironi in cui sono state impegnate le 53 nazionali inizialmente iscritte alla competizione, per definire le 23 da affiancare alla Francia padrona di casa, ha avuto per esempio di che impazzire per l’Islanda. Squadra rappresentativa di un Paese i cui 300mila abitanti sono meno di quelli di una città come Bologna, la nazionale allenata dal ct svedese Lars Lagerback, ha prevalso addirittura sulla titolatissima Olanda per prevalere nel proprio gruppo.
A trascinarla in questo crescendo di successi è stata una rosa di giocatori uniti e affidabili, fra cui spiccano stelle europee come il centrocampista del Basilea Birkir Bjarnason, ex Pescara, o l’attaccante del Nantes Kolbeinn Sigborsson. Ora i vichinghi in divisa blu volano in Francia per il primo Europeo della loro storia assolutamente decisi a non fare le comparse, sognando piuttosto di coronare nel modo migliore una parabola sociale e culturale nata nel loro Paese con l’incentivazione dell’attività sportiva, scelta dai governanti locali come via maestra per la lotta all’alcolismo e al disagio giovanile.
Meno compassati e più passionali degli islandesi sono altri debuttanti assoluti agli Europei, ovvero i giocatori della nazionale albanese allenata da un commissario tecnico italiano, Gianni De Biasi, che così bene ha fatto alla guida della squadra capitanata dall’ex laziale Lorik Cana, da essere indicato tra i favoriti a ricevere in eredità da Antonio Conte la panchina dell’Italia. D’altra parte, arraffare il pass per la Francia in un girone dove c’era da sgomitare con avversarie di rango come Portogallo, Serbia e Danimarca, ha dato grande lustro a un’impresa sportiva che ha fatto giustamente scalpore.
Ma il ballo delle debuttanti è tutt’altro che concluso, comprendendo anche un’Irlanda del Nord di sconosciuti ammirati per il bel gioco di squadra, finalizzato ai gol di Kyle Lafferty, ex bomber incompreso a Palermo, la Slovacchia che ruota attorno ai colpi di genio di Marek Hamsik, capitano e direttore d’orchestra del Napoli di mister Sarri, e un Galles così dolcemente invasato dalla qualificazione ottenuta, che una rockband di culto come i Manic Street Preachers hanno composto per i loro beniamini un inno nuovo di zecca, titolo Together Stronger.

Azzurri: poco carisma
La colorita varietà delle ventiquattro contendenti al via quanto meno servirà a compensare lo scarso interesse agonistico suscitato dai sei gironi di qualificazione, ognuno composto da quattro squadre, di cui passano le prime due più le quattro migliori nella classifica avulsa fra le sei terze. La formula si è resa necessaria per approdare alle sedici partecipanti alla fase a eliminazione diretta, che porterà dagli ottavi alla finalissima del 10 luglio.
Antonio Conte, allenatore della Nazionale e
Gianni De Biasi, coach dell'Albania
In questo contesto, se può consolare, sarà appassionante, o forse drammatico, seguire l’Italia, inserita in un girone di ferro in cui misurarsi contro un’Irlanda da sempre ostica per gli azzurri, una Svezia resa venefica dagli istinti anti-italiani da cui può essere animato il bomber Ibrahimovic, e un Belgio pronosticato fra le aspiranti alla vittoria finale grazie a un collettivo che gronda classe in ogni reparto: Thibaut Courtois, numero uno del Chelsea, in porta, il romanista Radja Nainggolan in mezzo al campo, i talenti di Dries Mertens e Divock Origi, così apprezzati a Napoli e Liverpool, sul fronte d’attacco.
Sono avversarie che testeranno subito la competitività della squadra allenata da Antonio Conte, sulla carta povera di carisma a centrocampo, dove qualcuno invoca tuttora le illuminazioni del quasi pensionato Andrea Pirlo, espatriato negli Stati Uniti, e di limitata forza offensiva, considerando che le maglie da titolare sono contese da onesti mestieranti come l’“inglese” Graziano Pellè, cannoniere del Southampton, lo juventino Simone Zaza e il redivivo Stephan El Shaarawi, in questa stagione non pervenuto al Monaco per poi ritrovare la via della rete con la maglia giallorossa della Roma.
Ma proprio i precedenti di Grecia e Danimarca sono fatti apposta per rianimare anche qualche speranza azzurra, ricordando l’elevato tasso di imprevedibilità degli Europei. È altrettanto vero che le certezze su cui basano le loro ambizioni le tre squadre favorite hanno del poderoso. Vale per la Germania iridata del blocco Bayern, per la Spagna di Casillas, Iniesta e Fabregas, e per la Francia, non solo fortificata da talenti come il romanista Digne e Sissoko o il bianconero Pogba, ma anche dotata di grandi tradizioni casalinghe, rammentate dal titolo mondiale del 1998 e da quello europeo del 1984, entrambi vinti a Parigi.
Se il gioco dovesse farsi particolarmente duro ed equilibrato, potrebbero essere singole stelle a illuminarlo con i loro colpi da maestro. Parliamo di un Jamie Wardy, goleador del Leicester dei miracoli destinato a portarsi anche la nazionale inglese sulle spalle, di un Robert Lewandowski, oro puro in forza al Bayern Monaco e in grado di trascinare chissà dove la Polonia, nonché di un Cristiano Ronaldo, la cui classe risolutrice solitamente si trasferisce di peso dal Real Madrid alla nazionale portoghese.
Mattatori annunciati, accanto ai quali se ne scopriranno di nuovi, come in tutte le grandi manifestazioni degne di rispetto. Su questa, più esplicitamente che su altre, grava l’incognita del terrorismo che, dopo gli attentati parigini dello scorso novembre, lancia la sua ombra di morte anche sugli Europei di calcio.

Tanto per ricordarci che lo sport, qualsiasi sport, va tutelato fra le massime espressioni della nostra vita. Affinché vinca il migliore, e magari ci sorprenda piacevolmente tutti. <
Reazioni: 

Related

Sport 6488933044766626488

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item