Arrivare nel cuore della cristianità

VIAGGI di Francesca Binfarè Pellegrini in cammino - 6 Arrivare nel cuore della cristianità Concludiamo il nostro cammino lungo l...


VIAGGI
di Francesca Binfarè

Pellegrini in cammino - 6
Arrivare nel cuore della cristianità
Concludiamo il nostro cammino lungo le diverse vie di pellegrinaggio a Roma. L’ultimo passo prima di appoggiare lo zaino per andare alla scoperta della città eterna.

Si dice che tutte le strade portino a Roma: anche la nostra, fatta sulle pagine di Dimensioni Nuove, ci ha condotti alla città eterna, al cuore della cristianità, alla fine dei nostri pellegrinaggi. Tutti i cammini di cui abbiamo raccontato, spirituali oltre che concreti, conducono alla Città del Vaticano e a Roma.
Dopo aver tanto camminato, siamo arrivati qui: è proprio con Roma che chiudiamo per l’ultima volta lo zaino da pellegrini che abbiamo portato sulle spalle per qualche mese, sperando che sia meno pesante e al tempo stesso più ricco di quando siamo partiti.
A Roma troviamo le tracce di Santi, Martiri, Apostoli e Papi, ma anche le testimonianze dell’antico impero romano con i suoi fasti e le sue difficoltà, e i Musei che espongono i capolavori dell’arte universale. A Roma tutti vanno per visitare e pregare a San Pietro e per ammirare i Musei Vaticani, per il Foro, il Colosseo, Piazza di Spagna e la Fontana di Trevi, le Terme di Caracalla e Trastevere. Tutto da visitare, nell’ordine preferito.
Partendo dalla Città del Vaticano, con il borgo e Castel Sant’Angelo, non si può che visitare la basilica di San Pietro e i Musei Vaticani. Insomma, se questo è il via ideale di un ipotetico percorso di visita della città, possiamo già immaginare quali siano le tappe successive.

Le piazze
Ma avete mai pensato di disegnare la geografia di Roma partendo dalle sue piazze? Proviamo a vederla e a visitarla così, iniziando proprio da Piazza San Pietro, il cuore della cristianità. Il colonnato del Bernini definisce lo spazio della grande piazza come se fosse un abbraccio, per poi permettere allo sguardo di ammirare la Basilica di San Pietro.
Visitata ogni anno da milioni di pellegrini provenienti da tutto il mondo, richiede un po’ di pazienza per l’accesso: per evitare le code è necessario presentarsi presto al mattino o avere biglietti che comprendono visite guidate e l’accesso ai Musei Vaticani (sono numerose le organizzazioni che si occupano delle visite organizzate, vista la quantità di turisti), da cui si può accedere alla Basilica.
I Musei Vaticani racchiudono una quantità sterminata di opere d’arte. Moltissime persone li visitano per la Cappella Sistina, ma non sottovalutiamo la potenza artistica, emotiva e anche spirituale delle stanze di Raffaello, incredibilmente affrescate dal grande maestro, solo una delle meraviglie contenute in questi musei. Come il gruppo marmoreo del Laocoonte, il San Girolamo di Leonardo, la Galleria degli Arazzi e così via.
Un’altra celebre piazza di Roma, protagonista di miliardi di foto, è Piazza di Spagna. La domina la celebre scalinata spagnola in travertino, una delle glorie del barocco, che conduce alla chiesa di Trinità dei Monti. Dalla chiesa si gode una delle più incredibili viste di Roma.
Tornando giù, la piazza ospita la bellissima Fontana della Barcaccia, opera di Pietro e Gianlorenzo Bernini nel 1629. La scalinata di Piazza di Spagna è un punto di riferimento e di ritrovo per romani e turisti, e cambia volto nel corso delle stagioni: in primavera si colora con un tripudio di azalee, in inverno ospita appuntamenti natalizi che le regalano un fascino e un aspetto totalmente diverso. Comunque sia, anche sotto il sole abbacinante di Roma è uno dei luoghi da visitare.
Alla sinistra di Piazza di Spagna corre via del Babuino, che prende il nome da una statua raffigurante un macaco, guardiano dell’acqua. Percorrendola si arriva a Piazza del Popolo, altro famoso scorcio cittadino. Qui si incrociano Via del Babuino, Via Condotti e Via di Ripetta, che formano una specie di “tridente”. La piazza, che deve il suo aspetto attuale al lavoro dell’architetto Giuseppe Valadier, ha al suo centro un obelisco egiziano che è stato portato qui dal Circo Massimo. A fare da quinta alla piazza sono due chiese, costruite nella seconda metà del XVII secolo.
C’è poi un altro luogo che meriterebbe una visita sia di giorno sia di sera, perché cambia totalmente aspetto in base alla luce – e alle luci accese all’imbrunire: è l’elegante Piazza Navona. Circondata da bar, locali e ristoranti, sulla piazza si possono ammirare tre fontane. La principale e la più nota è la fontana dei Quattro Fiumi, opera eccezionale di Bernini: il capolavoro, commissionatogli in occasione del giubileo del 1650, rappresenta il Gange, il Rio de la Plata, il Danubio e il Nilo. Sulla piazza si affaccia la chiesa di Sant’Agnese in Agone.
A due passi da Piazza Navona si trovano la splendida chiesa di San Luigi dei Francesi, dove sono ospitati tre capolavori di Caravaggio e, sul lato opposto, la chiesa di Sant’Andrea della Valle, che è stata scenario del primo atto della Tosca di Puccini.
Sempre in questa zona della città si trova Piazza della Rotonda. Vi state chiedendo qual è? È la piazza che ospita il Pantheon, di cui spesso dimentichiamo il nome per “colpa” del famoso monumento che ospita. Quest’area è ottima per una pausa, ricca com’è di bar e ristoranti.
Non troppo distante si può trovare un altro angolo molto amato di Roma. Basta incamminarsi verso via del Corso e poi raggiungere Piazza San Lorenzo in Lucina, che ospita la chiesa omonima: al suo interno potete visitare la Cappella Fonseca, progettata – ancora una volta – da Bernini. Imperdibile, e di tutt’altro genere, è Campo de’ Fiori (si trova non lontano da Piazza Navona). Al mattino ospita un mercato, alla sera è una zona molto frequentata dai ragazzi, per i suoi locali e ristoranti.

Da non perdere
A Roma bisognerebbe entrare in ogni chiesa e in ogni palazzo, certi che ci accoglierebbero opere d’arte di assoluta bellezza, però sono tanti questi luoghi, tantissimi! Quindi se il consiglio è di cercare di seguire la curiosità, bisogna però avere dei punti fissi per una prima volta a Roma, ricordando che una visita alla città di certo non basta.
Ci sono il Campidoglio, con la sua piazza disegnata da Michelangelo, e subito confinanti la chiesa di Santa Maria in Aracoeli (notevole al suo interno il Funerale di San Bernardino, affresco del Pinturicchio) e Piazza Venezia con il Monumento a Vittorio Emanuele.
Sulla cima meridionale del colle Capitolino, dove sorge appunto il Campidoglio, si trova la Rupe Tarpea da cui venivano giustiziati i traditori, facendoli cadere dall’alto della cima.
Nel nucleo del centro storico di Roma si trova anche il Foro Romano, forse uno dei luoghi più visitati della città con i suoi archi, templi, colonne, i resti della Basilica di Costantino e il Mercato di Traiano, e naturalmente poco lontano c’è anche il Colosseo.
Non troppo distante, nella zona del Pantheon sorge la chiesa del Gesù, la prima chiesa gesuita di Roma. Questa chiesa è un trionfo di talento, quello dei tanti artisti che l’hanno decorata: su tutti segnaliamo Andrea Pozzo, che tra il 1696 e il 1700 ha realizzato la Cappella di Sant’Ignazio. Nella zona di Campo de’ Fiori, invece, tra le tante cose si può ammirare un tabernacolo davvero notevole: è quello della chiesa di Santa Maria in Campitelli, dorato e decorato da colonne spiraliformi. Nelle cappelle della chiesa ci sono opere dei maggiori pittori barocchi di Roma, dal Baciccia a Luca Giordano.
E poi, come perdersi la basilica di San Giovanni in Laterano con i suoi meravigliosi chiostri, la chiesa di Santa Maria in Trastevere abbellita di mosaici, o ancora la basilica di San Paolo fuori le mura, la seconda basilica più grande dopo quella di San Pietro in Vaticano, e la basilica di San Pietro in Vincoli dove è possibile ammirare quel capolavoro assoluto che è la scultura del Mosè realizzata da Michelangelo.
A Roma, naturalmente, ci sono anche i palazzi del potere politico, come il Quirinale (non lontana si trova la più scenografica fontana della città, la Fontana di Trevi), Palazzo Madama (sede del Senato), Palazzo Chigi e Montecitorio, sede rispettivamente della Presidenza del Consiglio e della Camera. E tanti, tanti altri palazzi, musei, vicoli e scorci che solo camminando ispirati dalla curiosità si possono incontrare.

BOX
Roma Pass
Per i visitatori può essere molto utile acquistare la carta turistico-museale, Roma Pass, che offre riduzioni e servizi ai turisti. Roma Pass è disponibile nelle versioni da 48 ore (28 euro) e 72 ore (38,50 euro). In base alla tipologia scelta, è incluso l’ingresso a 1 o 2 musei, metro, bus e tram illimitati, sconti e prezzi speciali per eventi, mostre e servizi turistici.

Reazioni: 

Related

viaggi 2935780116409494666

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item