Stupefacenti slot-machine

Esistono forme di dipendenza, che non derivano solo dalle sostanze stupefacenti, dal tabacco o dall’abuso di alcol, ma riguardano pur...



Esistono forme di dipendenza, che non derivano solo dalle sostanze stupefacenti, dal tabacco o dall’abuso di alcol, ma riguardano pure la tendenza al gioco d’azzardo. Una realtà perversa, che in Italia sta dilagando soprattutto fra i giovani e rovinando la loro vita.   

La ludopatia
Frequentare sale da gioco, stare davanti alle slot-machine o ai video-poker on-line, acquistare biglietti gratta-e-vinci o del superenalotto può rappresentare causa di ludopatia, o gioco dazzardo patologico (gap), una dipendenza grave in cui chi gioca e perde denaro diventa un malato cronico. 

Un mega-business
LItalia è considerata uno dei primi Paesi al mondo dove labitudine al gioco dazzardo ricorre più frequentemente. Unabitudine che fa guadagnare allo Stato, legalmente, 90 miliardi di euro lanno. Unabitudine che è diventata una vera e propria industria, in cui lavorano 120.000 persone impiegate in 5000 aziende. Un mega-business in cui ha messo le sue mani avide anche il crimine organizzato, con 41 clan mafiosi che, secondo i dati dellassociazione Libera, nel 2011 si è accaparrato un volume daffari di 10 miliardi. Le conseguenze per la salute mentale e fisica riguardano un numero impressionante di giocatori dazzardo patologici: 800 mila malati cronici (secondo stime nazionali riferite al 2012).

Gioco compulsivo
Indagini di respiro nazionale hanno evidenziato che l80% della popolazione italiana tende saltuariamente a comprare biglietti della lotteria o a fare scommesse; il 13% gioca con le slot-machine ogni settimana e il 5% lo fa duetre volte la settimana. La ludopatia o il gioco dazzardo patologico è dunque in agguato e le previsioni di un aggravamento del fenomeno sono allarmanti: persone anziane, disoccupati e giovani sono fra le vittime predestinate, e anche i minorenni, sebbene a essi il gioco sia vietato per legge. La Polizia postale ha accertato che le scommesse on line sono in aumento soprattutto fra i giovanissimi. La media dei giovani, infatti, rispetto agli adulti, che si dedicano al gioco è di 4 volte superiore. I giovani, secondo gli psicologi, sono fortemente eccitati dalla dimensione illusoria di onnipotenza che deriva  dal gioco compulsivo on-line, e costituiscono dunque più di altre fasce detà una categoria a rischio.

Il piacere del rischio
In genere, sono più i maschi a cadere in questo baratro; il gratta-e-vinci è il più gettonato, ma lo stare davanti al pc, o premere un bottone sul proprio cellulare e collegarsi a internet per giocare è diventata una vera e propria mania neurologica; videopoker, slot-machine vanno comunque per la maggiore, superenalotto, scommesse sportive e bingo seguono a ruota fra le preferenze. Fra gli adolescenti non è tanto la sete di denaro, come per gli adulti, la molla che fa scattare limpulso al gioco, ma è la propensione al rischio, il piacere che deriva dal rischiare almeno un poco...

Arginare il fenomeno
Le istituzioni, con correttivi normativi, e le scuole, con strumenti educativi-preventivi appropriati, stanno cercando di arginare le conseguenze negative di questo fenomeno, ma la strada è ancora lunga. Non è un caso che si sia vietato aprire strutture per il gioco dazzardo vicino a scuole, ospedali e luoghi di culto. Peccato che la distanza sia stata stranamente ridotta da 500 metri a 200 metri. Perché? Curiosamente quando si apre al pubblico un negozio, un bar, una tabaccheria, con slot-machine e video-poker, dietro langolo si aprono anche locali dallinsegna accattivante: Vendo e compro oro?. Gli usurai aspettano al varco. Casualità o lo Stato è complice e corresponsabile di un modo subdolamente losco di far perdere il denaro e il lume della ragione? 


Nicola Di Mauro 
Reazioni: 

Related

Giovani 6909572168219666568

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item