Note sincere

  di Claudio Facchetti Il ritorno degli Zero Assoluto Note sincere Dopo tre anni di silenzio, è uscito il nuovo cd del duo romano. E...

 di Claudio Facchetti

Il ritorno degli Zero Assoluto
Note sincere
Dopo tre anni di silenzio, è uscito il nuovo cd del duo romano. E rilanciano la loro fortunata formula di pop gradevole raccontandosi con sincerità.
 
  Cinque album in quindici anni. Non si può certo dire che gli Zero Assoluto, ovvero Matteo Maffucci e Thomas De Gasperi, siano degli stakanovisti delle sette note. Certo è che sono la migliore espressione del celebre detto “chi va piano va sano e lontano”. Loro lontano ci sono andati, da quando nel 1999 hanno messo il naso fuori nel mondo dello spettacolo.
Da allora, con un’andatura degna di un bradipo, hanno centellinato le uscite di singoli e album, centrando ogni volta il bersaglio grosso e incrementando le vendite dei cd. Merito della loro formula, distillata in brani in cui s’incrociano i suoni acustici con quelli dell’elettronica al servizio di gradevoli melodie pop.
Hanno così collezionato dischi d’oro e di platino per le vendite, non disdegnando nel frattempo altre attività, come conduttori di trasmissioni radiofoniche e televisive di buon successo o, nel caso di Matteo, firmando tre apprezzati libri. Insomma, un duo che pur tenendo salda la rotta nel mare della musica, si è guardato intorno e ha colto le occasioni che gli venivano offerte per avventurarsi in altri territori.
Oggi, dopo tre anni di silenzio, gli Zero Assoluto sono tornati con il cd Alla fine del giorno, dieci canzoni nuove di zecca che sottolineano la bontà del loro “fare pop”. Tra le pieghe dei brani, qualche amico di rilievo, come Ermal Meta (autore per Marco Mengoni, Chiara, tra tanti) e Alex Neri e Marco Baroni dei Planet Funk, a dare valore aggiunto all’album.
DN ha raggiunto Matteo Maffucci per farsi raccontare i retroscena di questo ennesimo cd di successo.

Il “varo” di ogni vostro cd richiede sempre del tempo. Perché?
Scriviamo solo quando abbiamo qualcosa da raccontare, lasciando che a guidarci sia la spontaneità. Poi, a ogni brano, cerchiamo di trovare l’abito giusto, senza fretta. Non lavoriamo, insomma, a comando o con una scadenza da rispettare.

Quale profilo avete voluto dare al lavoro?
È una specie di diario di vita vissuta, in cui raccontiamo quello che ci è accaduto negli ultimi anni con sincerità. Sono appunti musicali presi durante un lungo periodo di tempo perché, in realtà, le canzoni non si smette mai di scriverle. Poi, si prova a capirle e a scoprire quali emozioni suscitano in noi. È l’unico modo che conosciamo per trasformarle in brani veri e propri, perché se sono importanti per noi, forse lo saranno anche per gli altri.

Si può dire che è un album autobiografico?
Quando abbiamo scritto i brani del cd abbiamo cercato sempre e comunque di trasmettere verità: volevamo raccontare attraverso la nostra sensibilità le esperienze, le storie e gli stati d’animo che ci hanno coinvolti, senza filtri.

Il vostro sodalizio dura da 15 anni. Mai nessun screzio?
Qualche discussione c’è stata, ma sono servite solo per cementare ulteriormente la nostra amicizia. Ci conosciamo dai tempi della scuola, siamo cresciuti coltivando la comune passione per la musica, abbiamo condiviso tante avventure insieme. Ognuno poi ha una sua vita propria, ma quando torniamo insieme per lavorare è sempre un grande piacere.

Come siete cambiati in questi anni?
Siamo cresciuti sotto il profilo personale, umano e musicale. Il tempo ci toglie purtroppo qualcosa della giovinezza e in cambio ci dà più esperienza. Questo si riverbera nella vita e naturalmente nella nostra professione. Siamo dunque maturati anche nel costruire i brani, nell’approfondire i testi e gli arrangiamenti, cercando di mantenere sempre una certa freschezza.

Dal punto di vista musicale, il cd mantiene le vostre conosciute caratteristiche. Tuttavia, ci sono elementi di novità…
Le canzoni, talvolta, nascono come forma di creatività pura o di divertimento, e spaziare nei generi è divertente. Credo comunque nella forza di un brano, piuttosto che nelle ricerche sonore: tutto il resto viene dopo, comprese le idee per l’arrangiamento. Noi non ci siamo mai fatti delle domande: un pezzo assume una sua fisionomia quasi naturalmente, può essere acustico, elettronico, reggae… Non siamo andati a cercare la novità a tutti i costi, ma ci siamo concentrati sull’unica cosa che veramente conta: scrivere belle canzoni piene di significato.

Nell’album ci sono alcuni ospiti.
Qual è stato il loro contributo?
Fondamentale. Collaborare con altri artisti ci piace tantissimo, è un continuo scambio di idee che fa solo bene alla musica. Ovviamente deve esserci sintonia, un certo legame di amicizia: non riusciremmo mai a lavorare con qualcuno che non vediamo mai.

Nei testi torna con una certa frequenza la parola “sogno”.È importante sognare?
Senza dubbio. Il sogno, alla fine, è il raggiungimento di uno scopo: può succedere nei sentimenti ma anche nella vita professionale e personale, in quello che vorresti essere e che sei.

Senti qualche responsabilità nei confronti di chi ascolta i vostri brani?
L’unica responsabilità che ho nei confronti del pubblico è quella di essere sincero. So di non aver mai preso in giro nessuno in questi anni.

Avete in progetto la realizzazione di un videoclip per ogni brano del cd. Come mai questa scelta?
Ci piace raccontare le canzoni a 360 gradi. È vero che ognuno di un pezzo si fa il proprio “film”, ma ci stimolava l’idea di narrare in immagini il cd, senza servirci di super produzioni: talvolta basta un’idea semplice per descrivere una melodia e un testo.

Hai scritto libri dal buon successo. Continuerai?

Senza dubbio. Anche in questo caso, senza fretta: ogni due-tre anni un libro ci scappa. <
Reazioni: 

Related

Musica 3792610411596604546

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item