Il Borsino delle parole

dSmile di Carlo Mantovani          Il borsino delle parole          Pacchetto - Ricordate quando i pacchetti erano soltanto quelli de...

dSmiledi Carlo Mantovani

         Il borsino delle parole      


   Pacchetto - Ricordate quando i pacchetti erano soltanto quelli delle sigarette o delle caramelle? Adesso c’è l’imbarazzo della scelta. A cominciare dal Parlamento, dove i pacchetti sono all’ordine del giorno: antiterrorismo, scuola, giustizia e, ovviamente, di maggioranza; normale che alla fine ci vengano due scatole così!
Non sono da meno le pay tv (chi non vorrebbe scegliere tra i sempre più succulenti pacchetti in offerta) ed aziende (che tagliano il personale, ma incrementano i pacchetti di servizi). È appena il caso di aggiungere che, in un simile bailamme, per rilassarsi è indispensabile un bel pacchetto vacanza. In questo morboso fiorire di microimballaggi ad hoc, l’unico “pacco” rimasto (vero Silvio?) è quello del Nazareno.

    Responsabile - Se in politica il responsabile non si trova quasi mai, negli slogan pubblicitari è fin troppo frequente: il “modo responsabile”, ipocritamente invocato dagli spot televisivi mentre invitano i giovani a consumare alcolici o a giocare d’azzardo, è diventato una locuzione di comodo, che protegge le multinazionali e scarica il rischio sull’anello debole, il consumatore.
Anche il turismo, secondo gli ambientalisti, dovrebbe essere responsabile: con l’eccezione, però, dei turisti russi, che − francamente − si spera continuino a spendere in modo irresponsabile.

    Crossover - A renderle un teatro dell’ambiguità en plein air non bastava che le strade fossero invase dai transgender, figure ormai dominanti nell’intramontabile mercato dell’amore mercenario: ora sono piene anche di crossover. Non c’è casa automobilistica che manchi l’appuntamento con il nuovo modello della mobilità su quattro ruote: da Nissan, che vanta la mamma di tutti i crossover, a Suzuki, che invece punta su una nuova generazione di crossover, fino a Renault, che addirittura definisce la sua proposta più di un crossover. Insomma: in questo Paese che ama il calcio, ma non riesce a dare un calcio al passato, dal “cross al centro” siamo passati al “crossover in centro”.

     Attivare - L’Italia? È una Repubblica fondata sugli smartphone: che stanno cambiando non solo il nostro modo di vivere, ma anche il nostro linguaggio. Basta pensare al verbo “attivare”, che ha soppiantato l’anacronistico e un po’ fiacco “adoperarsi”. Politici, funzionari, cittadini: di fronte ad un problema si devono tutti attivare, al pari dei servizi e degli abbonamenti telefonici. Peccato solo che poi, quando arriva la cartella di Equitalia, non ci si possa disattivare.

        Campo - È sufficiente guardarsi intorno: vengono piantati più ripetitori che alberi e l’epoca in cui ci lamentavamo perché “non c’era campo” è ormai alle nostre spalle. Ma noi siamo peggio degli incontentabili di Carosello e adesso, ovviamente, ci lamentiamo che il campo c’è: come nel caso del campo rom, o del campo profughi.
Il pensiero di questi campi ci ossessiona e tormenta i nostri sonni, bloccati in… fase rom. Facendoci dimenticare che, nonostante le carrette, gli scafisti e i naufragi, il mare di guai in cui si trova il Paese non è il Mediterraneo.

Reazioni: 

Related

dSmile 8402813545953725085

Posta un commento

emo-but-icon

Sfogliabile

Nuvolette nel cielo azzurro video

Abbonamenti

DIMENSIONI NUOVE

"È la rivista mitica, se così la possiamo definire, che l'editoria cattolica italiana dedica al mondo giovanile da sempre".

Newsletter

Iscriviti a Dimensioni Nuove
Email:

Recenti

Abbonamenti

Commenti

Facebook

Links

item